Continuiamo i nostri approfondimenti nel mondo del porno concentrandoci questa volta sul termine e l’origine del BDSM, che è un acronimo di diverse parole che configurano la pratica erotica basata sull’imposizione di sofferenza fisica e mentale su un partner:

  • Bonadge e Disciplina (B&D);
  • Dominazione e Sottomissione (D7s o Ds);
  • Sadismo e Masochismo (S&M o SM).

Ma è su sadismo e masochismo che la storia si fa più interessante perché, al contrario del sapere comune, queste due parole derivano da personaggi realmente esistiti che si sono configurati come i precursori di questo settore.

L’origine del sadismo e del masochismo

Il sadismo deriva da un aristocratico francese vissuto nel XVIII secolo, il Marchese de Sade, che realizzò diversi romanzi in cui si approfondiva proprio la pratica del godere del male altrui o provare piacere per il dolore inflitto ad altri. I suoi volumi più famosi sono:

  • Le 120 giornate di Sodoma;
  • La filosofia nel boudoir;
  • La nuova Justine;
  • Juliette.

Il masochismo, invece, deriva dallo scrittore austriaco, sempre del 1800, Leopold von Sacher-Masoch, che ha parlato e praticato la sottomissione maschile in diversi suoi romanzi. Celebre tra tutti è la “Venere in Pelliccia”, di cui Roman Polanski ha anche fatto un film.

Cos’è il BDSM e la sua origine

Ritornando più sull’aspetto pratico delle pratiche BDSM, vediamo come ci siano ogni genere di aspetti erotici racchiusi. Il BDSM coinvoince almeno 2 soggetti, in quanto troviamo la parte dominante e la parte dominata, ruolo che può essere alternato e non si prevedono dei canoni rigidi.

Una volta che la coppia ha scelto quale parte dovrà eseguire, la fase successiva è quella di stabilire una parola di sicurezza per annullare la sottomissione o la pratica, visto che se la parte dominata non si trova a suo agio, una semplice lamentela potrebbe essere vista come interpretazione della pratica e quindi continuare con la stessa.

Successivamente viene stabilita anche il tipo di pratica da adottare tra le varie opzioni disponibili, perché questo settore ammette delle sotto categorie molto particolari che ognuno può trovare eccitante o meno, e riflettere la libido degli interessati.

Sotto l’aspetto legale, troviamo un’apertura rispetto al BDSM, almeno in Italia, in quanto se è pur vero che si vietano gli atti a ledere permanentemente l’integrità fisica di una persona, ma anche l’ordine pubblico e il buon costume, secondo l’articolo 50 del codice penale non è punibile chi lede o pone in pericolo una persona che ha precedentemente avuto il consenso della persona.

Ovviamente parliamo di pratiche in cui c’è il consenso di entrambe le parti, altrimenti si configurerebbe un atto criminale e punibile come tale, ma se fatto in maniera corretta si può avere del sicuro, sano e consensuale BDSM.